Disegno di legge che modifica la legge sulla SA in Marocco

Il Segretariato generale del governo ha pubblicato un disegno di legge per modificare la legge sulle società a più piccole imprese introducendo nuovi sviluppi tra cui:

  1. l'introduzione della parità di genere nei consigli di vigilanza e nei consigli di amministrazione e la ricerca dell'equilibrio di genere nell'ambito degli organi di vigilanza e gestione della SA;

– entrambe le schede devono avere almeno il 30% dei membri (amministratore o supervisore) di ogni genere. Questo tasso sale al 40% quando l'azienda è offerta pubblica;                                          

– quando il consiglio di amministrazione o il consiglio di vigilanza ha più di otto membri, la differenza tra i membri di ciascun genere non deve superare due amministratori o supervisori.

Il progetto di legge prevede inoltre che, nella società di offerta pubblica, sia obbligatorio nominare almeno un rappresentante di ciascun sesso ai comitati tecnici ai sensi della sezione 51 della legge 17-95.

2.Introdurre l'approvazione preventiva degli accordi regolamentati dall'AGO/AGE, oltre al Consiglio di Amministrazione, qualora l'accordo coinvolga oltre il 5% del patrimonio della società;

3. modifica delle disposizioni relative alla società per azioni semplificata con l'introduzione della SAS con un unico partner e diverse misure volte a semplificare e introdurre una maggiore flessibilità per la SAS che potrebbe diventare un importante strumento giuridico del diritto societario marocchino:

– i membri sono liberamente d'accordo sull'organizzazione e sul funzionamento della società (L. 17-95, art. 425, al. 3), le norme generali per le società per servizi per le conse alle imprese per conto che applicano alla SAS solo nella misura in cui sono compatibili con le disposizioni che disciplinano la SAS (L. 17-95, art. 425, al. 4) ;

– non è richiesto alcun capitale minimo nella SAS (L. 17-95, art. 427) ;

– anche se l'impresa deve avere un presidente, inizialmente nominato secondo gli statuti, tali statuti stabilivano liberamente le condizioni alle quali la società è governata (L. 17-95, art. 432).

Il progetto di legge va ancora oltre in tale flessibilità.

Infatti, se oggi la SAS può avere solo aziende come partner (L. 17-95, art. 425, al. 1), che, ai sensi dell'articolo 426, deve avere un capitale di almeno due milioni di dirham o il contro-valore di tale somma in valuta estera, il progetto di legge innova (art. 1 del progetto): d'ora in poi, qualsiasi persona, naturale o legale, può essere membro della SAS e la sezione 426 sarà abrogata (art. 3 del progetto).

Inoltre, come la SARL, la SAS può avere un unico partner, a cui sono devolute le prerogative riconosciute durante l'assemblea generale.

La percentuale del capitale sottoscritto da rilasciare, ora corrispondente alla totalità (art. 427 al. 2), con il progetto, passa a un quarto del capitale promesso (art. 1 del progetto).

Solo indurimento (se si può considerare come tale), con il progetto (art. 1): la SAS deve avere un revisore quando il suo fatturato supera la soglia fissata dalla normativa, mentre, allo stato della legislazione, l'obbligo non è espresso (L. 17-95, art. 433).

4.persone aggiunte che sono in conflitto in base ad accordi regolamentati (DGD, azionista;

5.obbligo di almeno due (2) riunioni del consiglio all'anno; E

Quindi, sulla questione della parità e delle modifiche al regime SAS, possiamo parlare di un disegno di legge rivoluzionario che dovrebbe consentire al Marocco di stabilire il suo posto nelle classifiche internazionali dei paesi favorevoli agli investitori.

Si prega di trovare il link al cosiddetto progetto qui sotto:

http://www.sgg.gov.ma/portals/0/AvantProjet/204/Avp_loi_19.20.PDF

Laisser un commentaire

Votre adresse de messagerie ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *