Istituzione di una commissione ad hoc per indagare sul caso di presunti accordi tra compagnie petrolifere

Mercoledì 29 luglio il Gabinetto reale ha emesso un comunicato stampa in cui informava che Sua Maestà il Re Mohammed VI aveva deciso di istituire un comitato ad hoc incaricato di svolgere le indagini necessarie per chiarire la situazione sul fascicolo di presunti accordi tra compagnie petrolifere e di sottoporre al più presto alla Sua Alta Attenzione un rapporto dettagliato sull'argomento.

Questo comunicato arriva dopo la ricezione di due note del presidente del Consiglio per la concorrenza su "possibili accordi tra compagnie petrolifere e Gruppo Petrolifero del Marocco".

Nella prima nota, il presidente ha portato all'attenzione di Sua Maestà il Re, il contenuto della "decisione adottata dalla plenaria, mercoledì 22 luglio, con 12 voti favorevoli e 1 contrario", di imporre una sanzione pecuniaria. un importo pari al "9% del fatturato annuo realizzato in Marocco" per i 3 principali distributori e un importo inferiore per le altre società.

Martedì 28 luglio 2020, Sua Maestà il Re ha ricevuto una seconda nota dal Presidente sullo stesso argomento, in cui l'interessato ha informato Sua Maestà il Re dell '"ammontare delle sanzioni imposte" ai distributori, durante la sessione plenaria del 27 luglio. Questa volta l'importo è stato fissato all'8% del fatturato annuo senza distinzione tra società e senza alcuna indicazione della distribuzione dei voti.

Inoltre, il 28 luglio 2020 il Sovrano ha ricevuto anche un fascicolo da diversi membri del Consiglio in cui si osservava che “la gestione di questo fascicolo è stata caratterizzata da trasgressioni procedurali e azioni da parte del presidente. che offuscano la qualità e l'imparzialità della decisione presa dal Consiglio ”.

La missione di coordinamento di questa commissione ad hoc, composta dai due presidenti delle camere del Parlamento, il presidente della Corte costituzionale, il presidente della Corte dei conti, la Wali Bank Al-Maghrib e il presidente dell'istanza di probità , la prevenzione e la lotta alla corruzione, saranno svolte dal Segretario Generale del Governo.

Fonte: Ministero della Cultura, della Gioventù e dello Sport, Dipartimento della Comunicazione, Attività reali, "Accordo tra compagnie petrolifere: Sua Maestà il Re istituisce una commissione per indagare sul fascicolo dei cartelli", 29 luglio. 2020: http://www.maroc.ma/fr/activites-royales/entente-entre-petroliers-sa-majeste-le-roi-constitue-une-commission-pour-enqueter

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée.